Tachipirinha.



E' strano come, a volte, improvvisamente, le stagioni cambino e cambino le abitudini e gli scaffali delle nostre cucine. Dal sognare di fare uno spritz alle 19,00 alla sera, con la luce e il caldo forte, a tirare fuori tutta la tachipirina che hai in casa, ripassare dalla farmacia, vitamine, ferro, magnesio, echinacea, achillea, ribes nigrum, ali di pipistrello e truciolato liquido.

L'ultimo giorno di luce ci ha portato una gran tosse e la febbre a 39 e chissàquanto per Amelia, con relativo innalzamento considerevole delle glicemie, della quantità di insulina e della disperazione del babbo. Anche io mi sono un pò ammalata, ho tirato fuori la Tachipirinha delle 19, 00, quella che prima era un cocktel interessante e ora, invece, solo paracetamolo. Cambiamo le stagioni anche nei nostri scaffali, sì, purtroppo. Le teiere di latta che Emiliano ha portato dai suoi soggiorni in Egitto, si svuotano dei fiori e diventano oggi i protagonisti di millemila tisane calde in cerca di conforto dal freddo della casa che non ha spifferi ma veri e propri buchi alle finestre.

Così ieri ci siamo svegliati con un solo occhio aperto, Amelia era un piccolo forno in mezzo a noi, Anubi piangeva perchè voleva uscire, e i nostri micro sotto le coperte suonavano tutte le iper del mondo.

Sarà così per buona parte dell'inverno, come tutti i genitori che hanno bambini piccoli che vanno al nido o alla materna. Sarà un altro inverno con la paura del virus gastrointestinale, per gli amici, " le cacarelle " e la paura che il diabete complichi ulteriormente le cose. Sì perchè a noi che siamo oramai abituati a ( quasi ) tutto, la febbre non ci fa specie, ci fa specie dover pensare sempre alle glicemie e a come gestire quelle. Ad Emiliano che mi ricorda ogni giorno che tra poche settimane avremo il controllo della glicata di Amelia, e tra influenza e cannule piegate, chissà cosa verrà fuori. Finchè, con la gola in fiamme, dopo aver giocato tre ore a fila con Amelia a fare la pasta, la cucina, gli gnocchi e la casa di Masha e Orso, non arriva tuo marito e ti dice: - Sto male, ho mal di gola. E tu sai che quando marito dice " mal di gola " non c'è diabete o celiachia o tiroidismo che tenga, è l'inizio di interminabili ore di veglia e conforto del moribondo. E mannaggia a tutti gli dei ma perchè non viene mai un febbrone alla mamma, che si mette a letto e buona notte a tutti? Perchè il mal di gola della mamma vale meno di quella del papà? E dopo avere fatto tredicimila gnocchi al pongo, lui, disteso come il Cristo Morto del Mantegna, sul divano madido di sudore e disperazione, ti mette alla tv un dei film più tristi della storia, è lì che capisci che il diabete è davvero l'ultimo dei tuoi problemi. Anche l'inverno è superabile, purchè Emiliano stia bene. E quando si sarà ripreso vi racconterà di un bellissimo locale gluten free che abbiamo visitato sabato a Firenze. Prima che arrivasse l'autunno, il buio e la febbre.

Buon halloween a tutti, noi domani festeggiamo i morti che portano regali e dolcetti, e noi ce li mangeremo, non troppi, ma li mangeremo, perchè non è vero che chi ha il diabete non mangia dolci! Chi ha il diabete ne mangia di più! Tanto il dibete c'è l'ha già! ;)


0 visualizzazioni
  • White Instagram Icon
About Us

Siamo Emiliano ed Elisa, un naturalista-cuoco e una mamma pittrice e diabetica. Abbiamo una bimba di due anni di nome Amelia anche lei con diabete e celiachia. Raccontiamo la vita da diabetici a diabetici e non e "Poteva andare Peggio" è il nostro progetto per sensibilizzare le persone su queste due patologie! I viaggi, il cibo, l'avventura ma anche le piccole magie quotidiane sono i nostri principali interessi.

 

Contact Us:

emiliano.manzo@gmail.com

potevaandarepeggio@gmail.com

Phone: +39 3294954415

Search by Tags

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com