Non voglio più aspettare



eri pomeriggio ho lasciato Emiliano ed Amelia a letto a fare il riposino pomeridiano e mi sono stesa sul divano. La pace. Quei momenti perfetti in cui nessun allarme suona e tutto sembra andare meravigliosamente bene. Guardo le luci e i piccoli addobbi di Natale che sono la vera luce in questo periodo che è il più buio dell'anno, dove il sole tramonta alle 16.30 ed il freddo inizia a diventare veramente professionale. Un messaggio sulla mail mi avvisa che lunedì al nido di Amelia si festeggerà un compleanno. Ma non che sarà senza glutine. Comprerò una focaccia per Amelia e come sempre sarà l'unica ad averla diversa dagli altri. Farò i salti mortali per far combaciare la dose di insulina della colazione con quella del compleanno. E sarà un grande lunedì. Ho fiducia. Ma il punto non è questo. In tanti mi hanno detto che occorre aspettare che le persone si sensibilizzino al senza glutine. Che le persone capiscano. Che le persone vengano informate. Ci vuole tempo. Le cose miglioreranno. Lo sò che ci vuole tempo. Lo sò da 20 anni. E praticare la pazienza è stata la più grande forma di disciplina che mi sono imposta in questi anni. Soffrendo. Sì, perché io sono una irrequieta, impaziente e fumina. Guardo le luci, l'albero e la nostra vita apparentemente normalissima ai limiti del banale e comprendo, nel profondo, e non senza ardore, che io non posso più aspettare. E non lo voglio. Per mia figlia. Vorrei riuscire ad inventare qualcosa che acceleri i tempi, che possa muovere la sensibilità delle persone oggi. Non tra dieci anni. Qualche cosa inventerò. Ho già qualche idea. Sono sempre consapevole che poteva andare peggio ma tutti dovremmo impegnarci per fare del nostro meglio. Io sono felice se posso fare la mia parte. E voi?


0 visualizzazioni
  • White Instagram Icon
About Us

Siamo Emiliano ed Elisa, un naturalista-cuoco e una mamma pittrice e diabetica. Abbiamo una bimba di due anni di nome Amelia anche lei con diabete e celiachia. Raccontiamo la vita da diabetici a diabetici e non e "Poteva andare Peggio" è il nostro progetto per sensibilizzare le persone su queste due patologie! I viaggi, il cibo, l'avventura ma anche le piccole magie quotidiane sono i nostri principali interessi.

 

Contact Us:

emiliano.manzo@gmail.com

potevaandarepeggio@gmail.com

Phone: +39 3294954415

Search by Tags

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com