Che poi, sta farfalla, ma che vuole ?



Il diabete e la celiachia sono quelle due malattie che separatamente sono una rottura immane, insieme sono l'apoteosi delle rotture di balls. Mi spiego. Il diabete da solo ha una serie di pratiche e consuetudini ineluttabili ( fare l'insulina, misurare la glicemia, fare la conta dei carboidrati, sapere cosa si mangia in termini di nutrizione, ecc.. ) che non possono subire deroghe o piccole vacanze. A fronte di ciò le dosi di insulina possono essere adattate anche a situazioni alimentari particolari, tipo feste, matrimoni, aperitivi, Pasqua, Natale e momenti di depressione ( senza prenderci la mano se no pecaritadidddddio !) . Spesso mi chiedono se Amelia, per il diabete, mangia diverso dagli altri o sta a dieta. Io farei una strage quando me lo chiedono ma poi respiro e dico di: NO, brutta fava! ( ma lo dico con amore !). La celiachia impone un regime alimentare rigidissimo dal punto di vista del glutine. Il glutine non si mangia e non si maneggia e non si spolvera sui cibi senza glutine. Non si tiene nonno Tony in cucina se C'è una persona celiaca nei paraggi e non si sega il pane col glutine schizzando molliche come scintille nella tavola di chi il glutine non lo può mangiare. Addirittura bisogna stare attenti anche alle posate da piatto con glutine a piatto senza glutine. In questo caso, però, spesso mi chiedono se ogni tanto vabbè lo farà uno strappo alla regola, No???? Ogni volta devo interpellare tutti i Santi e dire garbatamente, NO, fava ! Come a Rimini l'altra sera che cercavamo una gelateria col gelato senza glutine e la tipa del banco di una gelateria mi disse- abbiamo il cono senza glutine ma il gelato è tutto contaminato ! Dipende poi se è una celiachia grave grave, se no si può mangiare ! Quindi per la gelataja se hai la celiachia grave ( oh Madonna! ) ti magni il cono senza glutine a secco. Se è meno grave ( oh madonna santa ! ) te lo magni col gelato contaminato. Questo è quello che a volte ci tocca sentire e non puoi nemmeno metterti a fare una lezione alla banconista tra un cono e un altro anche se forse dovrei. È che mi sento quasi in imbarazzo per loro. Per l'immane boiata che stanno cercando di spiegarmi con sicurezza come se sapessero tutto ed invece non sanno nulla. Insomma, tutto questo preambolo per dirvi che oggi, dopo 10 gg di iperglicemia post pranzo di Amelia al nido a distanza di quasi 2 ore dal pasto, con inutile aumento dell'insulina, ho capito cosa è successo! Ho risolto sto rebus che non mi faceva dormire la notte e mi corrodeva il fegato dalle 12 alle 16 di tutti i giorni feriali. Amelia, al nido, mangia come gli altri ma senza glutine, quindi stesso condimento della pasta ( gluten Free ) e stesso secondo. Solo il Pane, chiaramente, le viene sostituito con un pane senza glutine confezionato. Ogni marca fa il pane a modo suo, con i suoi ingredienti che sono uguali per tutti e l'aggiunta di zuccheri e grassi più o meno variabile. Il peso del panino da marca a marca può cambiare così come il suo impatto glicemico su una persona che ha anche il diabete. Ecco cosa è successo: ad Amelia è stato cambiato il tipo di pane e dato uno che per quantità ( mezzo paninetto tondo piccolo ) è lo stesso di quello di prima ma per peso lo è tre volte di più. L' impatto sulla glicemia e sulle dosi di insulina era inevitabile, ma io non lo sapevo! Ed erano 10 giorni che Emiliano si incazzava con me per le sue glicemie, salvo poi andare benissimo nei fine settimana che Amelia non era al nido. Questo cosa mi ha fatto pensare ? Innanzitutto che per un celiaco X non va bene qualsiasi pane e basta che sia senza glutine ma bisogna sempre puntare al gusto e alla qualità controllando e valutandone gli ingredienti. E Punto due, che quando oltre alla celiachia c'è anche il diabete bisogna stare attenti il doppio. Leggere le etichette, gli ingredienti, il peso, i carboidrati e i grassi presenti. Sì perché i prodotti senza glutine sono leggermente più ricchi in grassi rispetto a quelli col glutine e ciò provoca un aumento della glicemia a distanza anche di 3 ore dal pasto, motivo per cui Amelia andava in iperglicemia dopo 2 ore dal pranzo. Non sono arrabbiata con quelli della mensa, casomai dispiaciuta per non averci pensato prima, ma credo che si sappia veramente ancora troppo poco di diabete, celiachia ma sopratutto di che cosa mangiamo tutti ogni giorno anche senza nessuna patologia. C'è pane e pane. C'è pasta e pasta. Non è tutto uguale! Il fatto di avere assicurato ad Amelia il pane diverso ma comunque senza glutine mi ha garantita dal punto di vista della celiachia ma mi ha fatto sballare tutte le glicemie ! Per questo diabete e celiachia insieme sono un mix bomba, perché calcolare i carboidrati del cibo e la dose di insulina da fare diventa ancora più difficile. E quando qualcosa che sembra irrilevante cambia, cambia anche tutto il resto a catena come la farfalla che batte le ali chissà dove in Sud America. Che poi, sta farfalla, ma che vuole ? Ma chi la conosce ? Abbiamo già una quantità di variabili così grossa che due fave come me ed Emiliano faticano tanto a trovare soluzioni, ci mancano le farfalle e il pane cambiato ed è il caos ! Ma in questo caos noi ci muoviamo a tentoni e col gomito a gomito quasi quasi ci facciamo il solletico e sorridiamo di questa vita piena di enigmi che ci fa sembrare così interessanti e tenebrosi, quando invece siamo solo due poveri esauriti e una bimba. E un cane. Ma va bene così. Meno male che è venerdì !


3 visualizzazioni
  • White Instagram Icon
storia
storia2
storia3
storia4
About Us

Siamo Emiliano ed Elisa, un naturalista-cuoco e una mamma pittrice e diabetica. Abbiamo una bimba di due anni di nome Amelia anche lei con diabete e celiachia. Raccontiamo la vita da diabetici a diabetici e non e "Poteva andare Peggio" è il nostro progetto per sensibilizzare le persone su queste due patologie! I viaggi, il cibo, l'avventura ma anche le piccole magie quotidiane sono i nostri principali interessi.

 

Contact Us:

emiliano.manzo@gmail.com

potevaandarepeggio@gmail.com

Phone: +39 3294954415

Search by Tags

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com