E' arrivato il momento della pancia



Oggi siamo felici perché ieri Amelia si è finalmente convinta a mettere l'agocannula nella pancia. Da quando abbiamo scoperto il diabete l'ha sempre messo nel culetto e per lei era una solida e monolitica sicurezza. Il nuovo, per quel che riguarda il diabete, lei se l'immagina sempre un pò una fregatura e per questo non aveva mai voluto provare. Succede però che cambiare sito di inserzione dell'agocannula fa bene alla pelle e anche all'assorbimento dell'insulina che, col tempo, può essere intralciata da qualche accumulo. Insomma, la pelle del culetto meritava riposo e c'è l'abbiamo fatta. Siamo stati aiutati anche dal nuovo set con insertore che vedete in foto. Come se fosse un timbrino si poggia sulla pancia e pigiando un pulsante inserisce l'agocannula senza che si vedano aghi o altre cose splatter. Invece del timbro ti rimane su un tappino ( quello che vedete sulla destra ) che può essere di vari colori ( non per utilità ma per estetica, e ciò ci piace ). Subito dopo l'inserzione Amelia ha detto di avere male e si piegava per la stranezza di avere il tappino in pancia. Quando siamo usciti di casa per una passeggiata, si alzava il vestito per farlo vedere a tutti. Perché, avendole fatto grandi festeggiamenti, giustamente, pensava che glieli avrebbero dovuti fare tutte le persone che avremmo incontrato per strada. Devo dire che amici, conoscenti e passanti hanno collaborato a condividere l'entusiasmo di Amelia per il set nuovo in pancia ( il set è l'agocannula col tappino ). Al parco i bambini non capivano cosa avesse in pancia ma, nel dubbio, lo volevano pure loro. Quando siamo andati a letto ieri sera le ho chiesto della giornata e di tutte le cose che avevamo fatto e tra le cose più belle c'era... Il cambio set sulla pancia! Io non sò se è matta o un'irrimediabile ottimista ed entusiasta ma lei e i bambini con cui condivide le sue cose da diabetica non percepiscono diversità in lei o se la percepiscono l'accolgono con interesse sincero e pulito. Ma cosa ci succede, allora, quando diventiamo grandi ? Non facciamo altro che crescere per poi diventare peggio di come eravamo a 3 anni. Che strane evoluzioni! Evolve meglio la tecnologia medica che ci permette di rendere le pratiche del diabete meno invasive e dolorose. Certo, non tutta la tecnologia, però questa dell'insertore c'è garbata. P.s. con l'agocannula in pancia l'assorbimento dell'insulina è nettamente migliorato! Lo sanno bene nonna Giò e nonno Tony che ci hanno tenuto Amelia ieri sera e hanno combattuto con le sue continue ipoglicemie e, al nostro ritorno, sembravano più vecchi di 10 anni! Poheri nonni!

#diabete #medtronic #diabetes #advancedmio #senzaglutine #glutenfreee

4 visualizzazioni
  • White Instagram Icon
About Us

Siamo Emiliano ed Elisa, un naturalista-cuoco e una mamma pittrice e diabetica. Abbiamo una bimba di due anni di nome Amelia anche lei con diabete e celiachia. Raccontiamo la vita da diabetici a diabetici e non e "Poteva andare Peggio" è il nostro progetto per sensibilizzare le persone su queste due patologie! I viaggi, il cibo, l'avventura ma anche le piccole magie quotidiane sono i nostri principali interessi.

 

Contact Us:

emiliano.manzo@gmail.com

potevaandarepeggio@gmail.com

Phone: +39 3294954415

Search by Tags

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com