4-5 luglio Saint Raphael - Saint Marie De La Mer



04/07/2018 Saint Rapahel – Saint Marie De La Mer .

Dopo quattro giorni a Le Dramont, rilassati e contenti, con le glicemie di Amelia che nonostante il mare, la piscina, le correzioni, sono state stranamente stabili, ovviamente sempre con qualche punta a 300, ( ma non ci lamentiamo perché poteva andare peggio) abbiamo riassaporato il piacere del camper e dello stare insieme tutto il giorno all’aria aperta. Amelia per la prima volta ha messo il set nella pancia quasi da sola, scegliendo il punto e non versando neanche una lacrima. Mi guarda e mi dice: “sono grande la prossima volta da sola”. Mi sono commosso! A questo punto la mattina del 4 smonto tutto mentre Elisa e Amelia sono in piscina. Ci dirigiamo verso la Camargue a Saint Marie De La Mer. Partendo verso ora di pranzo passiamo da Saint Raphael che a partire dal XIX secolo diventa una località balneare di pregio. E’ esattamente come ci si immagina i paesi della Costa Azzura, come vengono descritti da Zelda Fitzgerald in “ Lasciami l’ultimo Valzer” Quando parte con il marito artista e la figlia per fare una vita da bohémien in Francia. Parte autobiografica del libro visto che Zelda e Francis Scott Fitzgerald partono da Parigi per raggiungere Hyeres a 65 kmda Saint Raphael per fare la bella vita durante l’età del Jazz, belli, innamorati e forse spensierati o almeno così li descrive Woody Allen. Io ed Elisa siamo amanti dei Fitzgerald e infatti Amelia si chiama Zelda di secondo nome. Il paese ha il suo porticciolo turistico, la sua ruota panoramica sulla spiaggia e la sua promenade con i negozi e i ristoranti che guardano il mare, lunghe distese di sabbia oppure le famose spiagge di ciottoli di Cap le Dramont, oppure le scogliere. Passeggiando per le vie strette del centro si respira un atmosfera elegante e glamour. A me piace tantissimo ed è il posto ideale dove rilassarsi immaginando quando negli anni ‘30 era meta di artisti e scrittori. Non restiamo a mangiare perché troppo complicato per Amelia così con il camper parcheggiamo a Saint Maxime al supermercato per fare la spesa e mangiare. I parcheggi dei grandi supermercati sono perfetti per le soste con i camper. In più quello del Geant Casinò ha proprio un parcheggio camper.

Partiamo in modo che Amelia possa dormire il pomeriggio e ci dirigiamo verso Arles e la Camargue. Non ci fermiamo ad Arles e ci dirigiamo direttamente verso il mare passando in mezzo alla Camargue con i suoi cavalli bianchi, le risaie e il parco ornitologico. Amelia è piccola per queste cose quindi si arriva direttamente a Saint Marie all’area sosta est. Perfetto per 48 ore tempo massimo di soggiorno. Non offre servizi a parte carico- scarico e la possibilità di aprire il tendalino, ma è di fronte al mare, è economica e pure a due passi dal paese. Ovviamente a quelli come noi nonP capitano mai giorni completamente tranquilli e quindi dopo una iperglicemia segue un ipo con una corsa in bicicletta per trovare un gelato sans gluten che non si trova e che mi costringe a comprare una scatola da 4 magnum al supermercato in fretta e furia e a correre al camper. La sera giriamo per il paese che ha la sua aria gitana e un pò zingara a causa della madonna nera, Sara la nera, e della festa che si tiene a maggio che riunisce rom, manouche e gitani che venerano la loro patrona. Noi portiamo Amelia su una giostra bellissima su due piani e poi cerchiamo dove mangiare qualcosa avendo sempre con noi la pasta di Amelia già pronta. Solo che una iper che non vuole scendere ci costringe a mangiare alle 10 di sera. Il 5 mattina passiamo una mattinata bellissima e rilassantissima sulla spiaggia di fronte all’area sosta e poi si pranza e si parte verso Perpignan.



2 visualizzazioni
  • White Instagram Icon
About Us

Siamo Emiliano ed Elisa, un naturalista-cuoco e una mamma pittrice e diabetica. Abbiamo una bimba di due anni di nome Amelia anche lei con diabete e celiachia. Raccontiamo la vita da diabetici a diabetici e non e "Poteva andare Peggio" è il nostro progetto per sensibilizzare le persone su queste due patologie! I viaggi, il cibo, l'avventura ma anche le piccole magie quotidiane sono i nostri principali interessi.

 

Contact Us:

emiliano.manzo@gmail.com

potevaandarepeggio@gmail.com

Phone: +39 3294954415

Search by Tags

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com