Fai Qualcosa Per Tirarti Su



Avete presente quando vi dicono: fai qualcosa per tirarti su? Ecco, io sono stata due giorni come se fossi stata sedata in modo violento. Ho anche ripreso la chitarra e suonato canzoni di una tristezza inumana e infinita. Pure Amelia diceva: Mamma, ti prego, basta! Eppure è così digerire una notizia. Se non sfoga la tristezza, allora, poi, dove va a finire ? Così domenica ho fatto per la prima volta l'aperitivo con mia cognata, lunedì ho fatto per la prima volta una seduta dalla manicure con una mia cara amica, esattamente come vedi nei film americani. Estetiste con la divisa che si accaniscono con le unghie e sono chine e concentrate come stessero a risolvere un' equazione impossibile e, io e la mia amica beate a parlare del più del meno e male di qualcuno. Ho scelto il rosso incazzato che loro chiamano Red passion. Io, personalmente, conosco solo la passione e non quella dell'amore ! Ma procediamo. Ieri una mia carissima amica mi è venuta a trovare ed ha passato tutta la giornata con me ed Amelia. Sempre ieri una ragazza che non conosco benissimo ma conosce la mia storia mi ha dato un abbraccio strizzato con i lucciconi agli occhi, ho ricevuto un'altra sciarpina molto bellina da un'altra amica e chiunque abbia incontrato mi ha offerto da bere. Tony compreso. Sì, mio padre. Ho ricevuto messaggi molto belli ed altri un po' assurdi, ma ho apprezzato la buona volontà. Ho pensato più volte che questo blog dovrebbe cambiare nome perché così, forse, sembra una sfida alle sventure e ad alzare sempre più la posta . Forse Dovrei chiamarlo: Mò BASTA! Ma poi, nelle mie notti bianche, mentre tutti dormono, e stamani, alle 5 con il rumore dei primi uccellini che per me, si sa, sò tutti fringuelli, ho pensato che è anche il contesto che può fare la differenza. Che, anche se alcuni periodi a volte sembrano volgere al peggio, tu non sei l'unica persona al mondo che soffre e ad hai le amiche che ti portano a " fare le mani ". La figlia, il marito, nonno Tony che ti versa da bere, le amiche che ti portano a bere e che non ti parlano continuamente delle percentuali e del caso. Nessua fattucchiera e nessun omino potente che ti tolga il malocchio perché non ce l hai e non esiste. Perché come mi ha detto una persona speciale: allora esiste anche la magia ! Ed io con quella, con quella bianca, lavoro da anni. Con la magia delle parole, della gentilezza, della fiducia negli altri. Amelia si siede al tavolo per dipingere e dice: " mamma, faccio un capolavoro ". Pensare in grande, pensare al meglio. E Con lo smalto rosso incazzato continuare ad essere felice. Buona giornata amici. Io, sento odore di primavera!

#endocrinologia #nodulo #diabete #celiachia #senzaglutine

9 visualizzazioni
  • White Instagram Icon
storia
storia2
storia3
storia4
About Us

Siamo Emiliano ed Elisa, un naturalista-cuoco e una mamma pittrice e diabetica. Abbiamo una bimba di due anni di nome Amelia anche lei con diabete e celiachia. Raccontiamo la vita da diabetici a diabetici e non e "Poteva andare Peggio" è il nostro progetto per sensibilizzare le persone su queste due patologie! I viaggi, il cibo, l'avventura ma anche le piccole magie quotidiane sono i nostri principali interessi.

 

Contact Us:

emiliano.manzo@gmail.com

potevaandarepeggio@gmail.com

Phone: +39 3294954415

Search by Tags

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com