Giornata Mondiale del Diabete 14 Novembre


Novembre è il mese dedicato al diabete. Non si poteva scegliere mese migliore. Umido, freschino, fastidioso e con giornate piene di pioggia col sole. Che pensi - è tutti ok- e poi ti frega. Novembre è il mese che, per ironia della sorte, ci ha fatto scoprire il diabete di Amelia. Non dimenticherò mai la sera in cui tutto il reparto di diabetologia del Meyer era in piazza Duomo a Firenze ad illuminare di blu il Battistero nella giornata mondiale del diabete ( 14 novembre 2016 ), ed io ero in ospedale con Amelia alle prese con la sua prima cannula del suo microinfusore. Così come non dimenticherò mai la prima volta che ho detto: Amelia ha il diabete. Che ora è facile dirlo ma allora era un vero strazio. Potrei odiare in tutta tranquillità questo mese e questo giorno, eppure non mi viene di farlo ( strano perché solitamente sono alquanto rancorosa!). In questi giorni sono molte le iniziative intorno al diabete. C'è chi si racconta giorno per giorno spiegando il diabete nella vita quotidiana e chi organizza giornate di sensibilizzazione in giro per l'Italia. Il sogno di tutti è senza dubbio la cura ma nel frattempo non ci resta che parlare, parlare, parlare e spiegare il diabete tipo 1 per vivere bene e sereni a livello sociale. Senza che nessuno ti rompa le balls con la storia di suo nonno mentre stai addentanto un panino. Che le maestre non si rifiutino di somministrare farmaci salvavita con la stessa leggerezza di un saluto. E che non ci si senta più dire da persone che non conoscono nemmen lontanamente la malattia la solita frase: Poteva andare peggio. No Ciccio, quella la posso dire solo io. Se me la sento. Ecco, io tutti questi pensieri e propositi per il futuro li metterò su inchiostro, ogni giorno, la prossima settimana. Come l'anno scorso. E poi porterò tutto, disegni, propositi, richieste, speranze e cuore alla Basilica di San Miniato al Monte insieme a tutta la diabetologia del Meyer e l'associazione A.t.b.g.d. e a chiunque avrà voglia di venire ad accendere di blu quelle mura e a muovere i fianchi a suon di musica alla faccia del diabete. Segnatevi la data! Noi ci saremo. ❤

13 visualizzazioni
  • White Instagram Icon
storia
storia2
storia3
storia4
About Us

Siamo Emiliano ed Elisa, un naturalista-cuoco e una mamma pittrice e diabetica. Abbiamo una bimba di due anni di nome Amelia anche lei con diabete e celiachia. Raccontiamo la vita da diabetici a diabetici e non e "Poteva andare Peggio" è il nostro progetto per sensibilizzare le persone su queste due patologie! I viaggi, il cibo, l'avventura ma anche le piccole magie quotidiane sono i nostri principali interessi.

 

Contact Us:

emiliano.manzo@gmail.com

potevaandarepeggio@gmail.com

Phone: +39 3294954415

Search by Tags

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com