Le Vene




E poi ieri siamo finiti al fiume vicino casa. Eravamo completamente squagliati da una giornata di festeggiamenti per il compleanno della nonna ( il motivo per cui Emiliano aveva fritto melanzane e poi acceso il forno a pranzo e fatto, in finale, un dhal di lenticchie ).

L' acqua era gelida e io pian piano mi sono tuffata ignorando che prima di fare il bagno avessi la glicemia in discesa. Quando faccio dei pranzi con molti grassi passo il pomeriggio a rincorrere la glicemia e poi ad un certo punto ZaccHete ! Ipoglicemia. Ok. Esco dall'acqua talmente tonificata che non percepisco nulla. Ero marmata. Ad un certo punto il micro inizia a suonare - glicemia bassa - ah già!

Prendo il succhino e tra l'acqua ghiaccia, tra che sono le otto di sera, tra che ho 60 mi prende un freddo boia. Quando sono in ipoglicemia a me fa freddo. Ma una combo così eccezionale non l'avevo mai provata. Mentre provo a mettere un telino sulle spalle Amelia me lo requisisce perché lei ha freddo!- Tu madre devi patire. Sempre ( mo me lo segno ).

Così rimango immobile, col brivido dell ipoglicemia e del freddo che mi fanno tremare anche le ossa. Il costume bagnato e nessun telo per coprirmi.

Alla fine della giornata

più calda del mondo, io, avevo freddo.

Capita che, mentre segui il tuo istinto e ti butti a far cose senza pensare il diabete ti prenda per " l'orecchi" e ti dica: - oh ciccia, non ti scordar di me ! "

Tranquillo, ciccio, non ti dimentico. Succhino e ciao.

Guarda come è bella Amelia ?

Nemmeno ti considero perché per me non sei la personificazione di nulla ma solo, a volte, una gran rottura di palle !

Sono tornata a casa e mi sono fatta una doccia calda bollente che nemmeno a Gennaio è possibile immaginare. Mi si è squagliata la pelle e ogni cellula del mio corpo era calda e a posto.

Eppure del bagno di ieri, di quando ho dimenticato di tutto, conservo un bellissimo ricordo. Sono le vacanze della mente di cui tutti abbiamo bisogno.

Dopo 24 anni di diabete non ho ancora imparato bene ad azzeccare le dosi ma ho imparato bene a guardare il paesaggio! Non mi pare poco, no?


18 visualizzazioni
  • White Instagram Icon
storia
storia2
storia3
storia4
About Us

Siamo Emiliano ed Elisa, un naturalista-cuoco e una mamma pittrice e diabetica. Abbiamo una bimba di due anni di nome Amelia anche lei con diabete e celiachia. Raccontiamo la vita da diabetici a diabetici e non e "Poteva andare Peggio" è il nostro progetto per sensibilizzare le persone su queste due patologie! I viaggi, il cibo, l'avventura ma anche le piccole magie quotidiane sono i nostri principali interessi.

 

Contact Us:

emiliano.manzo@gmail.com

potevaandarepeggio@gmail.com

Phone: +39 3294954415

Search by Tags

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com