Protezione Totale


Questa sono io, ieri, dopo poche ore dalla somministrazione della seconda dose di Moderna.

Lo so che a volte posso essere esagerata, e ci marcio, per avere tutti vicino e chiamare Emiliano infinite volte al giorno, ma, insomma, è stata una bella botta. Eppure, ero tutta gasata, avevo fatto la seconda dose e, al centro vaccinale, mi avevano fatto anche la proclamazione, tipo laurea: " complimenti, signorina, ha la protezione totale !". Accipicchia, che cerimoniale. Porterà mica sfiga ? Il medico che mi ha visitata questa volta, era giovane e carino, mi ha chiesto se era cambiato qualcosa dalla prima somministrazione, che so, era passato il diabete, mi era ricresciuta la tiroide, cose così. Purtroppo l'ho deluso. Ma quando mi ha detto di tenere il tempo per 15 minuti dopo l'iniezione ha riso quando ho schioccato le dita. - Proprio così, tenga il tempo così! - Aveva spirito.

Mi ha accompagnata Emiliano che, appena mi mostravo un po' assente, mi diceva: tutto bene? Tutto bene? Tutto bene?

Ma io stavo bene. Fino alle 2 di notte. Poi il delirio. Febbre, dolori e nausea. Ore 8 avevo già chiamato mia madre e mio padre per l'ultimo saluto. Emiliano, già dopo due ore, aveva iniziato a inventare le peggio scuse per uscire di casa e defilarsi dai miei tormenti. Ma io gli mandavo i vocali wathsappe in cui dicevo solo: Emilianoooooooooooo.

Ho passato una giornata a letto. Ho scritto a un po' di amici per salutarli. Ero convinta di avere beccato qualche strano effetto rarisssssimo del vaccino. Io, per trovare la sfortuna sono anche bravina. Ad un certo punto del pomeriggio ho incominciato anche ad avere le crisi mistiche con grave disappunto di mia madre. - Non si fa !- ma mi venivano in mente quelle canzoni di chiesa piene di significati pesantissimi che, comunque, avevano un buon sound. Chiamavo Emiliano e gli dicevo:- tu sei la mia vita altro io non hoooo.

Alla fine, insomma, se ne sono andati tutti. Anche un po' sdegnati. Di sera la febbre era un po' calata ma io comunque mi sentivo come questa signora qui sotto, Ria Munk, morta suicida per amore, e poi ritratta da Klimt, mentre era ancora calda, ma che comunque non riuscì a finire il dipinto perché morì anch'esso. Una storia di morte su morte. Eppure tra grandi sudate di stanotte, stamani sto meglio. Non come la pohera Ria Munk.

Insomma, felice di avere fatto questa seconda dose di vaccino, ma un po' fisicamente l'ho pagata. I miei congiunti invece l'hanno pagata psicologicamente. Ieri non avevo nemmen voglia di fare l'aperitivo. Questo è il più alto indicatore di malessere per me. Ma oggi ce la farò. Ce la devo fare !

Buona giornata amici, che la protezione sia con noi! #fuckingcovid

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti