Settembre


Settembre è un mese che viene accolto a gloria come portatore di nuovi inizi, possibilmente bellissimi. Meglio che a Capodanno! Sembra che anche il tempo, le nuvole e i venti lo sappiano. Che, scavallato il 31 agosto, si decidano tutti insieme a darsi una calmata col caldo. La notte del 31 agosto già ti devi mettere la copertina nel letto. Inizia il fresco. Io il 1 settembre sono andata al Meyer per la visita periodica di Amelia che, a causa del virus, non faceva in presenza da Febbraio. Ha dovuto fare il prelievo venoso perché dobbiamo ricontrollare gli anticorpi della tiroide che non sono alti, di più! Con una manina si copriva gli occhi e l'altro braccio lo dava all'infermiera ( bravissima, che ha beccato la vena a primo colpo ) e urlava: - è finito? È finito? Quando finisci??? Ed io dovevo parlarle di giostre, di cavalli e prati e visualizzare luoghi, meraviglie e bellezza mentre le boccette si riempivano e l'odore di alcool pizzicava il naso coperto dalla mascherina. Per il resto tutto bene. Della tiroide sapevamo che era sballata già dall'esordio del diabete. Amelia fa tutto in grande, si sa. Ciò non ci rende felici, è chiaro, ma non possiamo neanche disperarci. Tra diabete e celiachia è l'ultimo dei problemi se dovessimo metterli in classifica. Più che altro mi piacerebbe chiuderla questa classifica. Definitivamente. Ma per Amelia, per esempio, la celiachia è peggio del diabete ( anche mia figlia è tutta strana ). Per questo si arrabbia con me perché non ce l ho ( bisogna sempre trovare un motivo per arrabbiarsi con la propria mamma, no?). Dopo la visita abbiamo fatto la solita via crucis per il bar ( voglio un cioccolattino) , per l'edicola e per lo shop del Meyer. Poi al parchetto fuori dall'ospedale a giocare. E lei era felice. Orgogliosa del suo cerotto, del suo prelievo e serena come se fosse stata a trovare gli amici. Ecco, settembre per me non è il mese della meraviglia e la melanconia per l'estate andata. Non è romanticismo né odore di autunno. Emiliano non mi bacia di più a settembre. Settembre È odore di ospedale, è la pratica dell'indennità del'Inps da riattivare, è i moduli per il nuovo PiP ( piano intervento personalizzato) di Amelia per la scuola, è la novità di una tiroide che non va più ed è spiegare alle nuove maestre di Amelia come fare a gestire in classe il suo diabete. È un mese di beghe. Amelia farà la prima elementare quest'anno e prima dell'emozione sento il peso di dover risolvere tante questioni per la sua sicurezza prima di tutto. L' altro giorno ero al supermercato, da sola, e ho realizzato questa cosa. Che non mi stavo godendo nulla del momento di passaggio. Di questo inizio nella scuola elementare. Di questa tappa di crescita così importante! Allora, nei limiti del possibile, sono passata al reparto scuola. Ho assaporato l'odore di carta, ho guardato le matite con la gomma in cima oppure no, i temperamatite ( o appuntalapis in toscano) sempre più fighi e costosi, i grembiuli. Neri ( ma perché???) Bianchi, blu, rosa, azzurri. Gli ho toccati, ho guardato le misure, le decorazioni agghiaccianti e luccicanti tipo carnevale di Rio per le femmine e i supereroi per i maschi. Mi è partita la vena polemica e il fastidio e mi sono dovuta fermare e riavvolgere il tutto e dirmi: - Elisa, goditi il momento. Poi però mi ripetevo:- no! Voglio fare polemica! Ti prego. E mi sono arresa alla mia natura. E ho continuato la spesa. Ma mi sono commossa agli odori della scuola. Delle prime scuole. Dei primi ingressi. E sono stata mamma e solo mamma per quei minuti a girellare per il reparto cartoleria. E sono piccole inutili cose che forse dovrei concedermi di più anziché essere perennemente occupata a sistemare il mondo in funzione della serenità ( e sicurezza ) di Amelia mentre fa le sue mille nuove esperienze. E qui siamo al parco giochi, post visita. Amelia sta perdendo tutti i denti ed io tutti i capelli. Ah! Settembre una bella novità l ha portata! Abbiamo anche una baby sitter adesso! Ed ha anche la celiachia! Amelia la ama. Se finisco tutte le pratiche per la scuola noi siamo quasi pronte! E voi?

P.s. al netto di tutte le cose da sistemare prima del suo ingresso a scuola, io, Elisa, mamma di Amelia, sono davvero emozionata e felice ! Eddaje suuuu

25 visualizzazioni
  • White Instagram Icon
storia
storia2
storia3
storia4
About Us

Siamo Emiliano ed Elisa, un naturalista-cuoco e una mamma pittrice e diabetica. Abbiamo una bimba di due anni di nome Amelia anche lei con diabete e celiachia. Raccontiamo la vita da diabetici a diabetici e non e "Poteva andare Peggio" è il nostro progetto per sensibilizzare le persone su queste due patologie! I viaggi, il cibo, l'avventura ma anche le piccole magie quotidiane sono i nostri principali interessi.

 

Contact Us:

emiliano.manzo@gmail.com

potevaandarepeggio@gmail.com

Phone: +39 3294954415

Search by Tags

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com