Si ri-parte


Cari amici,

Ultimamente sono stata un po' assente dalla pagina perché da quando ci hanno fatti uscire ( tipo i cani ) con maggiore libertà, io, sto sempre fuori. Emiliano si lamenta perché organizzo sempre aperitivi ed uscite mattina, pomeriggio e sera. E i mariti delle mie amiche, oramai, mi odiano tutti.

Finalmente stiamo per partiremo con il nostro camper per qualche giorno di vacanza. Direzione: le Puglie.

Ma non pensiate che organizzare il camper sia una cosa semplice, della serie monto su e parto. Ma nooooo! Emiliano pianifica gli incastri da fare nel camper almeno una settimana prima della partenza. Lui organizza le cose da portare per patologia e codice esenzione. - Elisa prepara le cose per il diabete che le porto al camper.- E giù a preparare scatoloni di set, serbatoi, sensori, macchinetta per i chetoni, striscette reattive ecc ecc. Lui porta tutto al camper e incastra ogni scatola tipo tetris nei buchi che ci stanno sotto ai divanetti ( non chiedetemi il nome tecnico, non lo so ). Appena prendi una scatola tutto si autodistrugge.

Il giorno dopo mi dice: Elisa prepara le cose per la celiachia. E giù a prendere pani, biscotti, farine, creckers ecc ecc. Li porta al camper e crea un altro micragnoso angolino dove incastrare tutto.

Poi si passa ai farmaci: - Elisa vai in farmacia a prendere insulina, eutirox e pillole per il mal di testa. E giù in farmacia a prendere tutta sta roba. Col caldo, con la borsa coi ghiaccini, con la ricetta elettrica che, grazieiddiu è stata l unica cosa buona del coronavirus, ma a leggerci i numeri ti partono diottrie a casaccio. Il caldo. La macchina senza aria condizionata. E lui che mi dice: dobbiamo ancora fare un sacco di cose ! Sono confuso !

Alla fine, quando le patologie sembrano finite, si passa a pensare a mutande, costumi e creme solari. Comparto asciugamani/lenzuola/tovaglie da tavola. Poi libri, giochi e colori.

Insomma, io sono già parecchio stanca. E penso a quando, entrata nel camper, inizierò a sbattere tutti i mignoli dappertutto in attesa che il mio cervello realizzi che nel camper i piedi non si possono buttare a giro a casaccio. No no. Emiliano sbatterà le sue ossa contro le mie, io smusserò i mieu gomiti agli angoli e Amelia si divertirà moltissimo. Ah io sono stata esiliata dal letto matrimoniale al lettino a castello. Amelia vuole solo suo padre. Forse è una buona notizia ! Dajeeee

Allego foto di piccolo carico per patologia 013 .



0 visualizzazioni
  • White Instagram Icon
About Us

Siamo Emiliano ed Elisa, un naturalista-cuoco e una mamma pittrice e diabetica. Abbiamo una bimba di due anni di nome Amelia anche lei con diabete e celiachia. Raccontiamo la vita da diabetici a diabetici e non e "Poteva andare Peggio" è il nostro progetto per sensibilizzare le persone su queste due patologie! I viaggi, il cibo, l'avventura ma anche le piccole magie quotidiane sono i nostri principali interessi.

 

Contact Us:

emiliano.manzo@gmail.com

potevaandarepeggio@gmail.com

Phone: +39 3294954415

Search by Tags

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com