Sono Felice che Tu mi Capisca



Sono in treno,

Qualcuno mi ha detto che ho le scarpe di topolino. Vabbè.

Rifletto sul fatto che oggi Amelia andrà alla festa di compleanno di 4 compagnetti e le ragazze/mamme dei festeggiati si sono date un gran da fare per preparare tantissime cose senza glutine.

Non è scontato. Come non è scontato che i bambini col diabete e celiachia vengano sempre accolti a feste e riunioni senza alcun pregiudizio. Sì, è cosi. È folle, ma è così. Esistono ancora persone che evitano di invitare alle feste i bambini col diabete perché si immaginano chissà quale problema e complicazione. Il tutto, perché, alzare il telefono e chiamare la mamma del bambino in questione per chiedere e informarsi è difficile ( per i superficiali). Implica un passo verso l'altro che è complicato per alcuni da fare. È maleducazione. Mancanza di empatia e presunzione di onnipotenza. Che a te, certe cose, di certo, non potranno capitare mai. E a quelli a cui è capitato, poherelli, che si arrangino! E invece in 5 secondi può cambiare tutto, come è successo a me. E mettersi nei panni degli altri è sempre un'ottima scelta. Ed io sono grata alla mia piccola comunità che mi ospita se, finora, Amelia non è mai stata esclusa o preda di pregiudizi. Se alle feste di compleanno a scuola e fuori scuola hanno sempre pensato alla torta senza glutine. Sarebbe stato brutto se non l'avessero fatto ma comunque non è scontato che lo facciano. Per cui anche da parte di chi riceve questo tipo di attenzioni è sempre un equilibrio tra la sorpresa e " sono felice che tu mi capisca". E se questo un giorno venisse a mancare, e se questo a qualcuno manca oggi, dovremmo impegnarci ancora di più per spiegare il diabete a chi non lo conosce e magari si intimorisce anche di fronte alla complessità. E farlo nella nostra vita di tutti i giorni. Un passo alla volta. Uguale per la celiachia. Spesso viene accompagnata, da chi non ne ha esperienza, con un'ansia eccessiva nella preparazione dei cibi senza glutine ( vi prego, invitateci a cena!). Non occorre dare fuoco a tutta la cucina per togliere il glutine. È molto meno complicato di quel che sembra. Ma chiaramente per chi non ci bazzica tutti i giorni può sembrare una cosa enorme da affrontare.

Per fortuna sono tutte cose superabili con un poco di attenzione. Come hanno fatto le ragazze/mamme del compleanno di oggi. E io sono grata di questo. Sono felice che Amelia mi chieda: " mamma ma ci sarà qualcosa senza Al glutine alla festa?" E io possa dirle: Si. SI. Siiiiiiii! -

Partiamo dai bambini per lavorare ad essere delle persone migliori. Mi pare si dica spesso ultimamente, no? Beh, facciamolo peddavvero allora.

Buon sabato amici.

E grazie Camilla, Katia, Alessandra e Roberta. E a Topolino, Chiaramente.

0 visualizzazioni
  • White Instagram Icon
About Us

Siamo Emiliano ed Elisa, un naturalista-cuoco e una mamma pittrice e diabetica. Abbiamo una bimba di due anni di nome Amelia anche lei con diabete e celiachia. Raccontiamo la vita da diabetici a diabetici e non e "Poteva andare Peggio" è il nostro progetto per sensibilizzare le persone su queste due patologie! I viaggi, il cibo, l'avventura ma anche le piccole magie quotidiane sono i nostri principali interessi.

 

Contact Us:

emiliano.manzo@gmail.com

potevaandarepeggio@gmail.com

Phone: +39 3294954415

Search by Tags

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com