Terza Dose


Dopo un po' di tentennamenti ho deciso di fare la terza dose di vaccino. Alla prima ero stata bene, alla seconda moribonda, alla terza mi ero persuasa del fatto che, di certo, sarei morta.

Non mi sono informata su internet ( peffortuna) ma ho chiesto alla mia diabetologa. Pensavo ci potesse essere qualche deroga... e invece nessuna: te tocca! Bene. Mi reco al nuovo centro vaccinale della mia zona che si trova proprio accanto a un supermercato. Il centro vaccinale era affollato e la gente presente doveva fare le seconde ma, sopratutto, le terze dosi, motivo per cui ero circondata da anziani. - Ma mi ha chiamato? Mi fa vedere la lista delle prenotazioni? - e l'infermiera incarognita: - c'è la privacy ! Non si può! - E poi tutti chiamati per cognome e nome. Ma vabbè, che importa? Tutti gli anziani continuavano a chiedersi perché non li chiamassero e, quando si è diffusa la notizia che la terza dose poteva essere fatta con un vaccino diverso dalle prime due, si è scatenato il panico. - No, io voglio quella di prima! - No, io riconfermo quella fatta!- Io non lo voglio Moderna !- io non lo voglio Pfizer !- Signora, posso fare a cambio con questa signora qui?- Insomma compravendita e scambio di marca di dosi di vaccino. Io stessa rimango interdetta da questo cambio e scrivo subito al mio amico medico chiedendo conforto. Già c avevo l'ansia, pure questa! E intanto la folla si agitava e apriva dibattiti su questo Fizzer e Moderna e una diceva che lei aveva Booster, un'altra marca ancora ! Insomma, riesco ad entrare nella sede e sembra di stare dentro il famoso supermercato accanto. Gli infermieri si affacciavano alle porte urlando: Pfizerrrr ! Chi c'è????? Arrivo alla visita col medico. Trovo una donna garbata seduta su un tavolo in una stanza completamente vuota. Dopo il mercato della sala d'attesa, finalmente la pace. Mi chiede se sono un sanitario, un' avvocata, una trapezista, se ho più di 60 anni. Non si capacita del perché sia lì a fare la terza dose. - DIABETE TIPO 1 - dico. - Ahhhh diabetica, ecco ! Certo, certo. Mi vede terrorizzata e grondante sudore e inizia ad elencarmi i possibili effetti collaterali rarissimi. - Scusi me ne posso andare a fare il vaccino? Mi sta venendo un attacco di panico. - ah ma pensavo avesse voglia di chiacchierare. Comunque alla fine può avere tutto ma può anche non avere niente. Ciao bella. E scappo. Ritorno di là dove un uomo urlava Pziferrrrrr ed entro nella saletta. Chiedo cento volte se la siringa è stata riempita bene con la dose giusta e lui mi dice che non l ha riempita lui. Questo mi rassicura da un lato ma dall'altro mi chiedo: ma chi minchia le ha riempite ste siringhe? Vabbè, mi fido. Ma che devo fare ? Gli chiedo di farmelo dal lato dove non ho il sensore al braccio e lui mi risponde che casomai mi leva il sensore e poi me lo rimette. Sono sempre più persuasa del fatto che lui sia del banco salumi del famoso supermercato e non un infermiere. Ma che devo fare ? Mi fido ! M'azzecca sta siringa nel braccio con garbo da macellaio ma alla fine penso: è andata, oramai. Torno a casa terrorizzata. Mi aspetto di passare la notte come nel film Trainspotting. Di vedere i mostri. Faccio fatica ad addormentarmi, tremo dalla paura. Alla fine mi addormento. E, invece, passo la notte ingraziadiddiu ! Anche perché Emiliano e Amelia mi lasciano riposare con la Tachipirina sul comodino e senza disturbarmi. Mi sveglio benissimo. Mi tocca andare a scuola, penso. E ci vado. Canto vittoria in sala professori con i colleghi che avevo salutato il giorno prima come se fosse l'ultimo. Ma sono arrogante e, al suonare della terza ora vengo punita. Inizio a sentirmi una schifezza. Torno a casa strisciando e mi metto sotto le coperte. Un freddo incessante soffia dentro le mie ossa ( che bella immagine). Mi sento uno straccio. Ma non ho febbre. Emiliano mi da la Tachipirina e io chiamo mia madre perché mi piace averla in fondo al letto che chiacchiera mentre io sto male. Mi sembra scenografico. Ed è l unica situazione in cui qualcuno mi massaggia i piedi o mi porta il the caldo. Chiaramente ne approfitto. Sto male fino al pomeriggio, poi doccia calda e corso sulla sicurezza sul lavoro per 4h e rescuscito, finalmente. Terza dose è andata. Guardate come sto bene, via.

7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti