Una Bella Storia di Natale


Questa è una bella storia di Natale. Una cara ragazza mia conoscente in partenza per qualche mese per la Colombia ( uno dei suoi tanti soggiorni nel paese), mi ha chiesto, qualche settimana fa, cosa potesse portare al figlio di un suo amico colombiano che aveva appena scoperto di avere il diabete tipo 1. Non sapeva se avesse il microinfusore ( dubito ), le penne, il sensore o niente. Non sapeva una mazza, in sostanza. Questa ragazza è come me, completamente astratta ( Elena t adoro per questo!) .Quindi la cosa mi sembrava difficile da organizzare in maniera efficace. Mi sembrava per la prima volta di non avere alcuna idea. Fino a quando non mi è venuto in mente chi questa idea l ha avuta per tutti i bambini col diabete! Ovvero quei fantastici tipi del progetto Lino e il diabete a cura coordinamento di AGD Italia. Un gruppo di genitori ha pensato a un peluche che possa essere donato al bambino ( già in ospedale) quando scopre di avere il diabete. Il peluche non è soltanto uno strumento di conforto coccoloso ma ha anche delle zone contrassegnate nel corpo dove il bambino può capire dove fare l'insulina e provare a farla proprio al povero Lino. Che è insuLino dipendente ma è anche belLino ! Ecco, probabilmente è l'ultimo dei giochi che uno sognerebbe per il proprio bambino e, probabilmente il genitore, in ospedale, alla scoperta del diabete del figlio, Lino vorrebbe solo strozzarlo con tutta la propria forza, ma i bambini no. I bambini lo amano. Non so spiegarvi le radici inconsce di questa cosa ma è proprio così. Amelia non l ha ricevuto all'esordio ma tramite una mamma che me l ha gentilmente spedito dopo che le avevo mandato anche io un aiuto per la gestione del diabete del figlio. Amelia s è legata a lui tantissimo. Dice che ha il diabete e anche la celiachia. Lo ha riempito di punture, set e marsupini per il micro. Una volta gli ha tolto tutto ed ha detto che era guarito e io quasi mi mettevo a piangere ( forse doveva anche venirmi il ciclo, non so). Interagisce con Lino e quasi sente che può capirlo. Addirittura gli fa la glicemia! Parla con Lino usando le stesse frasi che io uso con lei, e lì mi rendo conto benissimo del mio fallimento come madre. Ma vabbè. In questo Lino aiuta anche i genitori! Ecco, questi sono bei progetti perché non sostengono solo il fare operativo e pratico ( tipo alla Emiliano) ma sostengono la parte psicologica e di cuore di cui abbiamo altrettanto bisogno, se non di più, quando affrontiamo una malattia che ci capita all'improvviso e senza un motivo per noi concepibile. E, insomma, ora Lino è in Colombia, al caldo. Beato lui! Con Aroon e la sua famiglia! E questo mi riempie di gioia. Mi immagino Lino ovunque a giro nel mondo. E poi però mi immagino anche Lino che guarisce dal diabete e smette di fare questo lavoro. Grazie #AGD Italia e ciao Linoooo

11 visualizzazioni
  • White Instagram Icon
storia
storia2
storia3
storia4
About Us

Siamo Emiliano ed Elisa, un naturalista-cuoco e una mamma pittrice e diabetica. Abbiamo una bimba di due anni di nome Amelia anche lei con diabete e celiachia. Raccontiamo la vita da diabetici a diabetici e non e "Poteva andare Peggio" è il nostro progetto per sensibilizzare le persone su queste due patologie! I viaggi, il cibo, l'avventura ma anche le piccole magie quotidiane sono i nostri principali interessi.

 

Contact Us:

emiliano.manzo@gmail.com

potevaandarepeggio@gmail.com

Phone: +39 3294954415

Search by Tags

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com